Scegliere damigelle e paggetti

Scegliere damigelle e paggetti

Consigli utili nella scelta di damigelle e paggetti per il giorno del vostro matrimonio

L’organizzazione di un matrimonio, comporta una serie di scelte importanti, scelte che vanno operate in base alle esigenze, ai desideri, alle possibilità, e al galateo. Una di queste è la scelta delle damigelle e dei paggetti. L’entrata in chiesa della sposa a braccio del padre, è preceduta da un corteo, quello di damigelle e paggetti che avanzano verso l’altare portando tra le mani fiori e fedi. L’età di questi può variare, saranno gli sposi, a decidere, se farsi precedere da bambini, ragazzi o giovani.

Le damigelle cosi come i paggetti, sono solitamente bambini, spesso anche parenti dei due sposi, nipoti, figli di cugini o amici, ma sempre più in voga è la scelta di damigelle giovani, che aiutino la sposa insieme ai testimoni da lei scelti anche nei preparativi delle nozze, nella scelta del’abito, dei fiori, dell’acconciatura. Sono dolci consigliere, che come le più meravigliose tra le  fatine delle fiabe condividono e partecipano attivamente alla gioia di un momento solenne, unico, irripetibile.

Gli sposi, ad ogni modo, non hanno l’obbligo di scegliere o l’una o l’altra fascia d’età; il corteo non deve essere numerossimo, ma può essere misto e corposo, infatti ci sono coppie di novelli sposi, che per non far torto a nessuno dei nipoti e amiche, optano per una sfilata più ampia, cosi da accontentare tutti. Il galateo è parecchio ferreo sul ruolo della damigella e del paggetto. Lei, infatti, ha il compito di portare il bouquet, o di spargere durante l’avanzata lenta e composta, petali di fiori per seminare e colorare il percorso della sposa che la segue. Il paggetto, invece deve portare le fedi dei due sposi su un cuscinetto. Entrambi siederanno vicino agli sposi, o dietro di loro, perché accanto ci sono già i testimoni.

Gli abiti di damigelle e paggetti devono essere importanti e simili a quelli dei due sposi. Se si decide di distaccarsi dalla tipologia di abito della coppia, bisognerà scegliere almeno un richiamo, un nastro, un fiore, una spilla, il colore dell’abito, simile per le damigelle alla sposa e per i paggetti allo sposo. Questi ultimi solitamente, anche se piccoli, indossano un abitino stile inglese, bretelle, camicia bianca e abitino scuro. Ci può stare un piccolo fiore all’occhiello del giacchino, o una cravatta dello stesso colore di quella indossata dallo sposo. La damigelle possono avere o non avere un abito simile alla sposa. Se è simile, il loro abito si dovrà distinguere almeno nel taglio, dovrà cioè essere più corto, con meno strascico, con una scollatura meno appariscente. Se l’abito è differente, allora bisognerà trovare un richiamo con l’abito della sposa, ad esempio nel bouquet, una cinturina, in un fiore nei capelli.

Tra di loro le damigelle se sono più d’una, dovranno essere vestite uguali, o almeno sarebbe preferibile. La moda americana, richiama gli abiti di colore pastello, celeste come il cielo, polvere di grigio, rosa candido, o bianco sporco, avorio, con nastri in giallo, tenue o in verde mare. I colori degli abiti, possono intonarsi ai colori degli addobbi della chiesa e della location, creando cosi un effetto di completezza, e continuità. La scelta delle damigelle e dei paggetti è dunque importante per rendere ancor più completo e perfetto un giorno da non dimenticare.